Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Probiotici innovativi
Tumore Ovaie
ESG 2017

Esito della gravidanza dopo esposizione in utero al Litio


Il Litio ( Carbolithium ) assunto durante il primo trimestre di gravidanza sembra aumentare il rischio di anomalie cardiovascolari nei neonati, anche se alcune di queste anomalie si risolvono spontaneamente.
Il Litio aumenta anche la probabilità di aborto spontaneo.

Il rischio di recidiva di malattia è elevato per le donne che interrompono l'assunzione di farmaci durante la gravidanza, e quindi la decisione dovrebbe essere presa su base individuale.
Le donne trattate con Litio durante l'organogenesi devono essere sottoposte a ecocardiografia fetale e di secondo livello.

È stato condotto uno studio osservazionale prospettico comparativo per valutare il rischio di gravi anomalie in seguito alla esposizione al Litio durante la gravidanza.

In totale, sono state seguite 183 gravidanze di donne esposte al Litio che hanno contattato il servizio di informazione sulla teratologia israeliano ( 90.2% nel primo trimestre ) e sono state confrontate con 72 gravidanze abbinate per malattia e 748 gravidanze esposte ad agenti non-teratogeni.

Ci sono stati significativamente più aborti spontanei ( aOR=1.94 ) e interruzione volontaria di gravidanza ( 17/183, 9.3% rispetto a 15/748, 2.0% ) nel gruppo esposto al Litio rispetto al gruppo con esposizione non-teratogena.

Il tasso di anomalie congenite maggiori dopo l'esclusione di anomalie genetiche o citogenetiche non è stato significativamente differente tra i tre gruppi ( esposte al Litio nel primo trimestre: 8/123, 6.5%; bipolari: 2/61, 3.3%; esposte a sostanze non-teratogene: 19/711, 2.7% ).

Anomalie cardiovascolari si sono verificate più frequentemente nel gruppo esposto al Litio durante il primo trimestre rispetto al gruppo con esposizione non-teratogena ( 5/123, 4.1% rispetto a 4/711, 0.6% ), ma non dopo aver escluso anomalie che si sono risolte spontaneamente ( 3/123, 2.4% rispetto a 2/711, 0.3% ).

L’anomalia di Ebstein è stata diagnosticata in un feto esposto al Litio e in due casi retrospettivi con esposizione al Litio che non sono stati inclusi perché il contatto con il servizio di informazioni era avvenuto dopo la diagnosi prenatale con l'ecografia.

Il tasso di anomalie non-cardiovascolari non è stato significativamente differente tra i gruppi.

Il tasso di parti pretermine è stato più alto nel gruppo con esposizione al Litio rispetto al gruppo con esposizione ad agenti non-teratogeni ( 18/131,13.7% rispetto a 41/683, 6.0% ).

In conclusione, il trattamento con Litio durante la gravidanza è associato a un più alto tasso di anomalie cardiovascolari.
Le donne trattate con il Litio durante l'organogenesi dovrebbero essere sottoposte a ecocardiografia fetale e di secondo livello. ( Xagena2014 )

Diav-Citrin O et al, Am J Psychiatry 2014;171:785-794

Psyche2014 Gyne2014 Pedia2014 Farma2014


Indietro