ESG 2017
San Antonio Breast Symposium
Milan cancer conference

Uso di antidepressivi in gravidanza avanzata e rischio di ipertensione polmonare persistente del neonato


L'associazione tra inibitori della ricaptazione della serotonina ( SSRI ), uso di antidepressivi selettivi durante la gravidanza e rischio di ipertensione polmonare persistente del neonato ( PPHN ) è controversa dal momento che l’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ), ha emesso un Public Health Advisory nel 2006.

È stato esaminato il rischio di ipertensione polmonare persistente del neonato associato all'esposizione a diverse classi di farmaci antidepressivi nella gravidanza avanzata.

È stato effettuato uno studio di coorte nidificato nel 2000-2010 Medicaid Analitic eXtract per 46 Stati americani e Washington, DC.
L’ultima data di follow-up è stata 31 dicembre 2010.

In totale hanno partecipato 3.789.330 donne incinte in Medicaid da 2 mesi o meno dalla data dell’ultimo periodo mestruale fino ad almeno 1 mese dopo il parto.
La coorte fonte è stata ristretta alle donne con diagnosi di depressione e analisi di regressione logistica con regolazione del propensity score applicata per controllare i potenziali fattori confondenti.

È stato esaminato l’uso di farmaci SSRI e farmaci non-SSRI in monoterapia durante i 90 giorni prima del parto versus nessun uso.

La principale misura era la diagnosi di ipertensione polmonare persistente del neonato durante i primi 30 giorni dopo il parto.

In totale 128.950 donne ( 3.4% ) hanno avuto almeno 1 prescrizione di antidepressivi in tarda gravidanza: 102.179 ( 2.7% ) hanno assunto un farmaco SSRI e 26.771 ( 0.7% ) un farmaco non-SSRI.

Nel complesso, 7.630 bambini non-esposti agli antidepressivi hanno avuto diagnosi di ipertensione polmonare persistente del neonato ( 20.8 ogni 10.000 nati ) rispetto a 322 neonati esposti a farmaci SSRI ( 31.5 ogni 10.000 nati ) e 78 neonati esposti a farmaci non-SSRI ( 29.1 ogni 10.000 nati ).

Le associazioni tra uso di antidepressivi e ipertensione polmonare persistente del neonato si sono attenuate con l'aumento dei livelli di regolazione del confondimento.

Per i farmaci SSRI, gli odds ratio ( OR ) erano 1.51 non-aggiustato e 1.10 dopo limitazione alle donne con depressione e aggiustamento per il punteggio di propensione a più alta dimensione.

Per i farmaci non-SSRI, gli odds ratio erano, rispettivamente, 1.40 e 1.02.

Per l’ipertensione polmonare persistente del neonato primaria, l'odds ratio aggiustato per i farmaci SSRI è stato pari a 1.28 e per i farmaci non-SSRI 1.14.

In conclusione, le evidenze da questo ampio studio di donne in gravidanza con assicurazione pubblica possono essere coerenti con un potenziale aumento del rischio di ipertensione polmonare persistente del neonato associato all'uso da parte della madre di farmaci antidepressivi SSRI nella fase avanzata di gravidanza.
Tuttavia, il rischio assoluto è risultato piccolo, e l'aumento del rischio è apparso più modesto rispetto a quanto suggerito in studi precedenti. ( Xagena2015 )

Huybrechts KF et al, JAMA 2015; 313: 2142-2151

Gyne2015 Pedia2015 Cardio2015 Psyche2015 Farma2015


Indietro