Vulvodinia - Graziottin
Vulvodinia
Xagena Mappa
Tumore Mammella

Acido Tranexamico per prevenire l'emorragia ostetrica dopo il parto cesareo


È stato dimostrato che l'uso profilattico dell'Acido Tranexamico ( Tranex ) al momento del parto cesareo riduce la perdita di sangue calcolata, ma l'effetto sulla necessità di trasfusioni di sangue non è chiaro.

Sono state assegnate in modo casuale le pazienti sottoposte a parto cesareo in 31 ospedali statunitensi a ricevere Acido Tranexamico oppure placebo dopo il clampaggio del cordone ombelicale.

L'esito primario era un composito di morte materna o trasfusione di sangue alla dimissione dall'ospedale o 7 giorni dopo il parto, a seconda di quale evento si verificasse per primo.
Gli esiti secondari chiave erano la perdita di sangue intraoperatoria stimata superiore a 1 litro ( prespecificata come esito secondario principale ), gli interventi per il sanguinamento e le relative complicanze, la variazione preoperatoria e postoperatoria del livello di emoglobina e le complicanze infettive postpartum.
Sono stati valutati gli eventi avversi.

In totale sono state randomizzate 11.000 partecipanti ( 5.529 al gruppo Acido Tranexamico e 5.471 al gruppo placebo ); il parto cesareo programmato ha rappresentato il 50.1% e il 49.2% dei parti nei rispettivi gruppi.

Un evento di esito primario si è verificato in 201 su 5.525 partecipanti ( 3.6% ) nel gruppo Acido Tranexamico e in 233 su 5.470 ( 4.3% ) nel gruppo placebo ( rischio relativo aggiustato, 0.89; P=0.19 ).

La perdita di sangue intraoperatoria stimata superiore a 1 litro si è verificata nel 7.3% delle partecipanti nel gruppo Acido Tranexamico e nell'8.0% di quelle nel gruppo placebo ( rischio relativo, 0.91 ).

Interventi per complicanze emorragiche si sono verificati nel 16.1% delle partecipanti nel gruppo Acido Tranexamico e nel 18.0% di quelle nel gruppo placebo ( rischio relativo, 0.90 ); la variazione del livello di emoglobina è stata rispettivamente di -1.8 g per decilitro e -1.9 g per decilitro ( differenza media, -0.1 g per decilitro ); complicanze infettive postpartum si sono verificate rispettivamente nel 3.2% e nel 2.5% delle partecipanti ( rischio relativo, 1.28 ).

Le frequenze degli eventi tromboembolici e di altri eventi avversi sono state simili nei due gruppi.

L'uso profilattico di Acido Tranexamico durante il parto cesareo non ha portato a un rischio significativamente inferiore di un esito composito di morte materna o trasfusione di sangue rispetto al placebo. ( Xagena2023 )

Pacheco LD et al, N Engl J Med 2023; 388: 1365-1375

Gyne2023 Farma2023



Indietro