OncoGinecologia
Tumore Ovaie
Tumore Mammella
Xagena Mappa

Associazione delle concentrazioni sieriche di 25-IdrossiVitamina D pre-concepimento con nati vivi e perdita della gravidanza


La carenza di vitamina D durante la gravidanza è associata a esiti avversi della gravidanza, sebbene l'associazione tra le concentrazioni di vitamina D pre-concepimento e i nati vivi non sia nota.
È stata valutata l'associazione tra vitamina D pre-concepimento e gli esiti della gravidanza tra le donne con fertilità accertata.

È stata condotta una analisi secondaria di una coorte prospettica di EAGeR, uno studio a blocco randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo.
Le donne di età compresa tra 18 e 40 anni con una o due precedenti perdite di gravidanza sono state reclutate nel periodo 2007-2011 in quattro Centri clinici negli Stati Uniti, e seguite fino a sei cicli mestruali durante il tentativo di gravidanza e durante la gravidanza se avevano concepito.
La 25-IdrossiVitamina D sierica è stata misurata al basale ( pre-concepimento ) e a 8 settimane di gestazione.

Gli esiti di interesse comprendevano la gravidanza clinica, il tempo alla gravidanza, la perdita della gravidanza e i nati vivi.

1.191 donne avevano dati disponibili sulle concentrazioni di 25-IdrossiVitamina D pre-concepimento.
555 donne ( 47% ) sono state classificate con concentrazioni sufficienti ( 75 nmol/l o superiori ) e 636 ( 53% ) con concentrazioni insufficienti ( inferiore a 75 nmol/l ).

Le donne con 25-IdrossiVitamina D pre-concepimento sufficiente avevano maggiori probabilità di raggiungere una gravidanza clinica ( risk ratio aggiustato, aRR 1.10 ) e il parto di un nato vivo ( 1.15 ), rispetto alle donne con concentrazioni insufficienti.

Tra le donne che hanno raggiunto la gravidanza, una concentrazione di 25-IdrossiVitamina D pre-concepimento sufficiente, ma non quella a 8 settimane di gestazione, è stata associata a un ridotto rischio di perdita della gravidanza ( RR pre-concepimento per 25 nmol/l 0.88; a 8 settimane di gestazione 0.98 ).

Non è stata osservata alcuna associazione con la fecondabilità nelle donne con concentrazioni sufficienti rispetto a quelle con concentrazioni insufficienti di 25-IdrossiBitamina D ( fecundability odds ratio aggiustato, FOR 1.13 ).

Un sufficiente livello pre-concepimento di 25-IdrossiVitamina D ( maggiore o uguale a 75 nmol/l ) è stato associato a un aumento della probabilità di iniziare una gravidanza e di partorire nati vivi.
L'aumento delle concentrazioni di vitamina D prima del concepimento, ma non all'inizio della gravidanza, è stato associato a una ridotta perdita della gravidanza. ( Xagena2018 )

Mumford SL et al, Lancet Diabetes Endocrinol 2018; 6: 725-732

Endo2018 Gyne2018



Indietro