OncoGinecologia
Tumore Mammella
Xagena Mappa
Tumore Ovaie

Associazione tra concentrazione di NT-proBNP nella prima gravidanza e sviluppo di disturbi ipertensivi in corso di gravidanza e ipertensione futura


I disturbi ipertensivi della gravidanza sono associati a future malattie cardiovascolari, forse a causa di una disfunzione cardiaca subclinica prima della gravidanza che porta a un ridotto adattamento alla gravidanza.
I peptidi natriuretici sono biomarcatori promettenti per rilevare la disfunzione cardiaca subclinica al di fuori della gravidanza.

Si è studiato se concentrazioni più elevate del frammento N-terminale del propeptide natriuretico del cervello ( NT-proBNP ) all'inizio della gravidanza siano associate a disturbi ipertensivi della gravidanza e ipertensione da 2 a 7 anni dopo il parto.

Questo studio di coorte ha utilizzato i dati di The Nulliparous Pregnancy Outcomes Study: Monitoring Mothers-to-Be Heart Health Study, uno studio osservazionale multicentrico prospettico.
Sono state incluse in totale 4.103 donne nullipare con dati completi e senza ipertensione o diabete pre-gravidanza che sono state trattate in 8 siti clinici.

Le donne sono state seguite da 2 a 7 anni dopo la gravidanza. I dati sono stati raccolti dal 2010 al 2017 e i dati sono stati analizzati tra il 2020 e il 2021.

La concentrazione di NT-proBNP è stata misurata utilizzando un test immunologico di elettrochemiluminescenza da un campione di sangue del primo trimestre.

Gli esiti principali erano disturbi ipertensivi nel corso della gravidanza e ipertensione incidente ( pressione sistolica di 130 mm Hg o pressione diastolica di 80 mm Hg o uso di agenti antipertensivi ) alla visita di follow-up.

In totale 4.103 donne hanno soddisfatto i criteri di inclusione; l'età media era di 27.0 anni. Tra queste donne, 909 ( 22.2% ) hanno presentato un esito negativo della gravidanza e 817 ( 19.9% ) hanno avuto ipertensione alla visita di follow-up.

Concentrazioni più elevate di NT-proBNP sono state associate a un minore rischio di disturbi ipertensivi della gravidanza ( odds ratio aggiustato per raddoppio, OR=0.81 ), che persisteva dopo aggiustamento per età, etnia auto-riferita, indice di massa corporea nella fase precoce della gravidanza, fumo e uso di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ).

Allo stesso modo, una più elevata concentrazione di NT-proBNP all'inizio della gravidanza è stata associata anche a un minore rischio di ipertensione incidente da 2 a 7 anni dopo il parto ( odds ratio aggiustato per raddoppio, OR=0.84 ), un'associazione che persisteva dopo il controllo per fattori confondenti, compresi i disturbi ipertensivi della gravidanza.

In questo studio di coorte, concentrazioni più elevate di NT-proBNP all'inizio della gravidanza sono state associate a un minor rischio di disturbi ipertensivi durante la gravidanza e ipertensione da 2 a 7 anni dopo il parto.
Questi risultati suggeriscono che la normale fisiologia cardiovascolare all'inizio della gravidanza, valutata dalla concentrazione di NT-proBNP, possa fornire informazioni biologiche sia sull'esito della gravidanza che sul rischio di malattie cardiovascolari. ( Xagena2022 )

Hauspurg A et al, JAMA Cardiol 2022; 7: 268-276

Cardio2022 Gyne2022



Indietro