Vulvodinia - Graziottin
Vulvodinia
Tumore Mammella
Xagena Mappa

Associazione tra disturbi ipertensivi della gravidanza e malattie cardiovascolari entro 24 mesi dal parto


Nonostante la ben nota associazione tra disturbi ipertensivi della gravidanza e malattie cardiovascolari, esistono dati limitati su quali specifiche diagnosi cardiovascolari abbiano i maggiori profili di rischio durante i primi 24 mesi dopo il parto.

La maggior parte dei dati esistenti sui disturbi ipertensivi della gravidanza e sui rischi di malattie cardiovascolari a breve termine sono limitati al periodo immediatamente successivo al parto; tuttavia, è fondamentale determinare il rischio di malattie cardiovascolari fino a 24 mesi dopo il parto per informare i protocolli di screening delle malattie cardiovascolari durante il periodo postpartum prolungato.

È stato delineato il rischio di diagnosi cardiovascolari nei primi 24 mesi dopo il parto tra le pazienti con disturbi ipertensivi della gravidanza rispetto alle pazienti senza disturbi ipertensivi della gravidanza.

Uno studio longitudinale basato sulla popolazione ha incluso donne incinte con parti avvenuti tra il 2007 e il 2019 all’interno del Maine Health Data Organization’s All Payer Claims Data.
Questo studio ha escluso pazienti con malattie cardiovascolari preesistenti, con gravidanze multifetali o senza assicurazione continua durante la gravidanza.

I disturbi ipertensivi della gravidanza e le malattie cardiovascolari ( classificati in base a condizioni specifiche: insufficienza cardiaca, cardiopatia ischemica, aritmia o arresto cardiaco, cardiomiopatia, malattia cerebrovascolare o ictus e nuova ipertensione cronica ) sono stati identificati utilizzando i codici diagnostici International Classification of Diseases, nona revisione, e International Classification of Diseases, decima revisione.

Tra le 119.422 gravidanze esaminate, il rischio cumulativo di malattia cardiovascolare entro 24 mesi dal parto per quelle con disturbi ipertensivi in ​​gravidanza rispetto a quelle senza disturbi ipertensivi in ​​gravidanza era 0.6% rispetto a 0.2% per l'insufficienza cardiaca, 0.3% rispetto a 0.1% per la cardiopatia ischemica, 0.2% rispetto a 0.2% per aritmia o arresto cardiaco, 0.6% rispetto a 0.2% per cardiomiopatia, 0.8% rispetto a 0.4% per malattia cerebrovascolare o ictus, 1.6% rispetto a 0.7% per malattia cardiaca grave ( esito composito di insufficienza cardiaca, malattia cerebrovascolare o ictus o cardiomiopatia ) e 9.7% rispetto a 1.5% per nuova ipertensione cronica.

Dopo aggiustamento per potenziali fattori confondenti, le donne con disturbi ipertensivi della gravidanza hanno mostrato un rischio maggiore di insufficienza cardiaca, malattia cerebrovascolare, cardiomiopatia e malattia cardiaca grave entro i primi 24 mesi dopo il parto ( hazard ratio aggiustato, aHR=2.81, 1.43, 2.90 e 1.90, rispettivamente ) rispetto a quelle senza disturbi ipertensivi della gravidanza.

Inoltre, le donne con disturbi ipertensivi della gravidanza hanno mostrato un rischio maggiore di nuova ipertensione cronica diagnosticata dopo 42 giorni dal parto ( aHR=7.29 ).

Non è stata riscontrata alcuna associazione tra disturbi ipertensivi della gravidanza e cardiopatia ischemica ( aHR=0.92 ) o arresto cardiaco o aritmia ( aHR=0.90 ).

Inoltre, tra le donne con disturbi ipertensivi in ​​gravidanza, la percentuale più alta di prime diagnosi di malattie cardiovascolari si è verificata durante il primo mese dopo il parto per cardiomiopatia ( 44% ), insufficienza cardiaca ( 39% ), malattia cerebrovascolare o ictus ( 39% ) e grave malattia cardiaca ( 41% ).

Le pazienti con disturbi ipertensivi della gravidanza hanno avuto un rischio maggiore di sviluppare nuova ipertensione cronica, insufficienza cardiaca, malattia cerebrovascolare e cardiomiopatia entro 24 mesi dal parto.

Non è stata riscontrata alcuna associazione tra disturbi ipertensivi della gravidanza e cardiopatia ischemica o arresto cardiaco o aritmia.
Le pazienti con disturbi ipertensivi della gravidanza necessitano di interventi mirati nel postpartum precoce e di un maggiore monitoraggio nei primi 24 mesi dopo il parto. Ciò può preservare la salute a lungo termine e migliorare gli esiti materni e neonatali in una gravidanza successiva. ( Xagena2023 )

Ackerman-Banks CM et al, Am J Obstetrics & Gynecology 2023; 229: 65.e1-65.e15

Gyne2023 Cardio2023



Indietro