Vulvodinia Survey
Xagena Mappa
Tumore Ovaie
Tumore Mammella

Associazione tra integrazione di Acido Folico durante la gravidanza e rischio ridotto di tratti autistici nei bambini esposti ai farmaci antiepilettici in utero


Le strategie per prevenire l'autismo nei bambini esposti a farmaci antiepilettici ( AED ) durante la gravidanza sono importanti.
Si è determinato se l'integrazione di Acido Folico e lo stato dei folati in gravidanza siano associati a un ridotto rischio di tratti autistici a causa dell'esposizione a farmaci antiepilettici in utero.

Lo studio di coorte Norwegian Mother and Child Cohort Study si è avvicinato alle donne di lingua norvegese che eseguivano esami ecografici di routine dal 1999 al 2008 ( 163.844 su 277.702 donne rifiutarono ).
Nessun criterio di esclusione è stato applicato oltre la lingua.

Sono stati completati questionari durante e dopo la gravidanza, e sono state fatte analisi dei campioni di sangue con collegamento al Registro delle nascite della Norvegia.
I bambini di età compresa tra 18 e 36 mesi di donne con informazioni disponibili sull'uso di farmaci antiepilettici e di integrazione con Acido Folico ( n=104.946 ) sono stati inclusi nell'analisi dal 2016 al 2017.

È stata fornita una integrazione materna di Acido Folico 4 settimane prima a 12 settimane dopo il concepimento.
La concentrazione plasmatica di folato è stata analizzata nelle settimane di gestazione da 17 a 19. I tratti autistici sono stati valutati utilizzando il Modified Checklist for Autism in Toddlers and Social Communication Questionnaire.

Gli odds ratio ( OR ) per i tratti autistici nei bambini in base all’uso materno rispetto al mancato uso degli integratori di Acido Folico sono stati aggiustati per la salute materna e fattori socioeconomici.
Le concentrazioni di folato e le dosi di Acido Folico erano associate al grado di tratti autistici.

L'età media complessiva delle 104.946 madri di bambini partecipanti era di 29.8 anni, con informazioni complete disponibili per l'analisi in 103.868.
L'età media delle donne con epilessia che avevano ricevuto un trattamento con farmaci antiepilettici era 29.4 anni; delle donne con epilessia che non avevano ricevuto il trattamento con , farmaci antiepilettici 29.1 anni; e delle donne senza epilessia, 29.8 anni.

Nei 335 bambini esposti a farmaci antiepilettici, il rischio di tratti autistici è stato significativamente più alto a 18 mesi di età ( OR aggiustato, aOR, 5.9 ) e 36 mesi di età ( aOR, 7.9 ) quando le loro madri non avevano usato integratori di Acido Folico rispetto ai figli di madri che avevano usato integratori.

Tra le donne senza epilessia, i rischi corrispondenti sono stati più bassi a 18 mesi di età ( aOR, 1.3 ) e 36 mesi di età ( aOR, 1,7, IC 95%, 1,5-1,9 ); tra i 389 bambini di donne con epilessia non-trattata, i rischi corrispondenti non erano significativi a 18 mesi di età ( aOR, 1.0 ) e a 36 mesi di età ( aOR, 2.5 ).

Il grado dei tratti autistici è stato inversamente associato alle concentrazioni di folato plasmatico materno ( beta=-0.3; P=0.03 ) e alle dosi di Acido Folico ( beta=-0.5; P minore di 0.001 ).
Le concentrazioni di farmaci antiepilettici non sono risultate associate al grado di tratti autistici.

In conclusione, il rischio di tratti autistici nei bambini esposti a farmaci antiepilettici in utero può essere mitigato dall'integrazione con Acido Folico periconcezionale e dallo stato di folato.
Le donne fertili che usano i farmaci antiepilettici dovrebbero assumere continuamente integratori di Acido Folico. ( Xagena2018 )

Bjørk M et al, JAMA Neurol 2018; 75: 160-168

Gyne2018 Pedia2018 Neuro2018 Psyche2018



Indietro