Vulvodinia - Graziottin
Vulvodinia
Xagena Mappa
Tumore Ovaie

Buprenorfina versus Metadone per il disturbo da uso di oppioidi in gravidanza


La terapia con agonisti degli oppioidi è fortemente raccomandata per le donne in gravidanza con disturbo da uso di oppioidi.
La Buprenorfina può essere associata a esiti neonatali e materni più favorevoli rispetto al Metadone, ma i dati esistenti sono limitati.

È stato condotto uno studio di coorte che ha coinvolto donne incinte iscritte a Programmi di assicurazione pubblica negli Stati Uniti durante il periodo 2000-2018 in cui sono stati esaminati gli esiti tra coloro che hanno ricevuto Buprenorfina rispetto a quelli che hanno ricevuto Metadone.

L'esposizione ai due farmaci è stata valutata all'inizio della gravidanza ( fino alla settimana gestazionale 19 ), alla fine della gravidanza ( settimana gestazionale 20 fino al giorno prima del parto ) e nei 30 giorni prima del parto.
I rapporti di rischio ( risk ratios, RR ) per gli esiti neonatali e materni sono stati aggiustati per i fattori confondenti con l'uso di sovrapposizione di pesi del punteggio di propensione.

La fonte dei dati per lo studio consisteva in 2.548.372 gravidanze che si sono concluse con nati vivi.
All'inizio della gravidanza, 10.704 donne incinte sono state esposte a Buprenorfina e 4.387 a Metadone.
In gravidanza avanzata, 11.272 sono state esposte a Buprenorfina e 5056 a Metadone ( 9.976 e 4.597, rispettivamente, nei 30 giorni prima del parto ).

La sindrome di astinenza neonatale si è verificata nel 52.0% dei bambini esposti a Buprenorfina nei 30 giorni prima del parto rispetto al 69.2% di quelli esposti al Metadone ( rischio relativo aggiustato, aRR=0.73 ).

La nascita pretermine si è verificata nel 14.4% dei neonati esposti a Buprenorfina all'inizio della gravidanza e nel 24.9% di quelli esposti al Metadone ( aRR=0.58 ); nato piccolo per l'età gestazionale rispettivamente nel 12.1% e nel 15.3% ( aRR=0.72 ); e basso peso alla nascita nell'8.3% e nel 14.9% ( aRR=0.56 ).

Il parto con taglio cesareo si è verificato nel 33.6% delle donne in gravidanza esposte a Buprenorfina all'inizio della gravidanza e nel 33.1% di quelle esposte al Metadone ( aRR=1.02 ) e gravi complicazioni materne si sono sviluppate nel 3.3% e 3.5%, rispettivamente ( aRR=0.91 ).
I risultati dell'esposizione alla fine della gravidanza sono stati coerenti con i risultati dell'esposizione all'inizio della gravidanza.

L'uso di Buprenorfina in gravidanza è stato associato a un minore rischio di esiti neonatali avversi rispetto all'uso di Metadone; tuttavia, il rischio di esiti materni avversi è stato simile tra le persone che avevano ricevuto Buprenorfina e quelle che avevano assunto Metadone. ( Xagena2022 )

Suarez EA et al, N Engl J Med 2022; 387: 2033-2044

Gyne2022 Psyche2022 Farma2022



Indietro