Vulvodinia
Vulvodinia - Graziottin
Xagena Mappa
Tumore Mammella

Disturbi ipertensivi della gravidanza e rischio a lungo termine di ictus materno


I disturbi ipertensivi in corso di gravidanza sono associati a un rischio a lungo termine di malattie cardiovascolari tra le pazienti con parità più avanti nella vita.
Tuttavia, non si sa con certezza se i disturbi ipertensivi della gravidanza siano associati a un aumento del rischio di ictus ischemico o emorragico in età avanzata.

Una revisione sistematica ha sintetizzato la letteratura disponibile sull'associazione tra disturbi ipertensivi della gravidanza e rischio a lungo termine di ictus materno.

Gli studi sono stati inclusi solo se venivano soddisfatti i seguenti criteri: studi caso-controllo o di coorte condotti con partecipanti umani, disponibili in inglese e che misuravano l'esposizione di una storia di disturbi ipertensivi della gravidanza ( preeclampsia, ipertensione gestazionale, ipertensione cronica, o preeclampsia sovrapposta ) e l'esito di ictus ischemico materno o ictus emorragico.

Sono stati estratti i dati ed è stata valutata la qualità degli studi seguendo le linee guida MOOSE ( Meta-analyses of Observational Studies in Epidemiology ) e utilizzando la scala Newcastle-Ottawa per la valutazione del rischio di bias.

L'esito primario era qualsiasi ictus ( indifferenziato ) e gli esiti secondari includevano ictus ischemico ed ictus emorragico.

Dei 24 studi inclusi ( 10.632.808 partecipanti allo studio ), 8 hanno esaminato più di 1 esito di interesse.

I disturbi ipertensivi della gravidanza sono risultati significativamente associati a qualsiasi ictus ( risk ratio aggiustato, aRR=1.74 ).

La preeclampsia è risultata significativamente associata a qualsiasi ictus ( aRR=1.75 ), ictus ischemico ( aRR=1.74 ) e ictus emorragico ( aRR=2.77 ).

L'ipertensione gestazionale era significativamente associata a qualsiasi ictus ( aRR=1.23 ), ictus ischemico ( aRR=1.35 ) e ictus emorragico ( aRR=2.66 ). Mentre l'ipertensione cronica è risultata associata a ictus ischemico ( aRR=1.49 ).

In questa meta-analisi, l’esposizione a disturbi ipertensivi della gravidanza, inclusa la preeclampsia e l’ipertensione gestazionale, sembra essere associata a un aumento del rischio di ictus e ictus ischemico tra le pazienti con parità in età avanzata.

Possono essere giustificati interventi preventivi per le pazienti che soffrono di disturbi ipertensivi in ​​gravidanza per ridurre il rischio a lungo termine di ictus. ( Xagena2023 )

Brohan MP et al, Am J Obstet Gynecol 2023; 229: 248-268

Gyne2023 Cardio2023 Neuro2023



Indietro