Tumore Ovaie
Tumore Mammella
OncoGinecologia
Xagena Mappa

Donne in gravidanza con malattia infiammatoria intestinale: l'interruzione della terapia anti-TNF prima della settimana gestazionale 30 sembra sicura


La malattia infiammatoria intestinale ( IBD ) attiva influisce negativamente sugli esiti della gravidanza.
Poco si sa circa il rischio di recidiva dopo l'interruzione del trattamento con fattore di necrosi antitumorale ( anti-TNF ) durante la gravidanza.

I ricercatori hanno valutato il rischio di recidiva prima del parto nelle donne che hanno interrotto il trattamento anti-TNF prima della settimana gestazionale 30, i predittori di riduzione del peso alla nascita del bambino, un marcatore associato a esiti avversi a lungo termine, e tassi e soddisfazione con la consulenza ( counseling ).

Le donne in gravidanza con malattia infiammatoria intestinale in trattamento anti-TNF sono state invitate a partecipare a un questionario elettronico condotto in 22 ospedali in Danimarca, Australia e Nuova Zelanda dal 2011 al 2015.
Delle 175 donne invitate, 153 ( 87% ) hanno risposto.

Nelle donne in remissione, il tasso di recidiva non differiva significativamente tra coloro che hanno interrotto l'anti-TNF prima della settimana gestazionale 30 ( 1/46, 2% ) rispetto a quelle che hanno continuato il trattamento ( 8/74, 11%; rischio relativo, RR=0,20; 95 % intervallo di confidenza [ IC ], da 0.02 a 1.56; P = 0.08 ).

La recidiva ( P=0.001 ) e la continuazione della terapia anti-TNF dopo la settimana gestionale 30 ( P=0.007 ) sono state associate in modo indipendente al ridotto peso alla nascita ( valore medio ) di 367 g ( IC 95%, da 145 a 589 g; recidiva ) e 274 g ( 95% CI, da 77 a 471 g; esposizione anti-TNF dopo settimana gestazionale 30 ).

Delle 134 ( 88% ) donne che hanno ricevuto consulenza, 116 ( 87% ) erano soddisfatte delle informazioni fornite.

In conclusione, per ridurre al minimo l'esposizione fetale nelle donne in remissione, l'interruzione dell'anti-TNF prima della settimana gestazionale 30 sembra sicura.
La ricaduta e la continuazione della terapia anti-TNF dopo la settimana gestazionale 30 sono state associate in modo indipendente a un peso alla nascita inferiore, sebbene senza un aumentato rischio di peso alla nascita inferiore a 2500 g.
La maggior parte delle donne ha ricevuto ed è stata soddisfatta della consulenza. ( Xagena2019 )

Julsgaard M et al, Inflammatory Bowel Diseases, izz110, doi.org/10.1093/ibd/izz110

Gastro2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro