Tumore Mammella
OncoGinecologia
Tumore Ovaie
XagenaNewsletter

Effetto della Metformina aggiunta a consigli dietetici e sullo stile di vita per le donne in gravidanza in sovrappeso o obese: studio GRoW


Il sovrappeso e l'obesità materna sono associati a complicanze della gravidanza ben note. Gli interventi prenatali sulla dieta e sullo stile di vita hanno un modesto effetto sull'aumento di peso gestazionale senza influenzare gli esiti della gravidanza.
Sono stati valutati gli effetti sugli esiti materni e infantili della Metformina prenatale somministrati in aggiunta ai consigli dietetici e sullo stile di vita delle donne in sovrappeso e obese.

GRoW era uno studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo in cui donne in gravidanza a 10-20 settimane di gestazione con un indice di massa corporea ( BMI ) di 25 kg/m2 o superiore sono state reclutate da tre reparti di maternità pubblici ad Adelaide, in Australia.
Le donne sono state assegnate casualmente in cieco a ricevere Metformina ( fino a una dose massima di 2.000 mg al giorno ) o un placebo corrispondente.
Tutte le donne hanno ricevuto un intervento dietetico prenatale e sullo stile di vita.

L'esito primario era la percentuale di neonati con peso alla nascita superiore a 4.000 g. Gli esiti secondari includevano misure di aumento del peso materno, dieta e attività fisica materne, gravidanza materna ed esiti della nascita, qualità di vita e benessere emotivo materni ed esiti di nascita infantile.

Gli esiti sono stati analizzati su base intention-to-treat ( comprese tutte le donne assegnate casualmente che non hanno revocato il consenso a utilizzare i loro dati, e che non hanno avuto un aborto o interruzione della gravidanza prima di 20 settimane di gestazione o un parto con nato morto ).

Delle 524 donne che sono state assegnate in modo casuale tra il 2013 e il 2016, 514 sono state incluse nelle analisi dei risultati ( 256 nel gruppo Metformina e 258 nel gruppo placebo ).
L’età gestazionale mediana al momento dell’ingresso nello studio era di 16.29 settimane e l'indice BMI mediano era di 32.32 kg/m2; 167 partecipanti ( 32% ) erano in sovrappeso e 347 ( 68% ) erano obese.

Non c'è stata alcuna differenza significativa nella percentuale di neonati con peso alla nascita superiore a 4.000 g ( 40, 16%, con Metformina versus 37, 14%, con placebo; risk ratio aggiustato aRR 0.97; P=0.899 ).

Le donne trattate con Metformina hanno presentato un aumento di peso gestazionale settimanale più basso ( differenza media aggiustata -0.8 kg; P=0.007 ) e sono state più propense ad avere un aumento di peso gestazionale al di sotto dei valori raccomandati ( aRR 1.46; P=0.008 ).

L'aumento di peso gestazionale totale, gli esiti della gravidanza e della nascita, la dieta e l'attività fisica della madre e la qualità di vita materna e il benessere emotivo non differivano significativamente tra i gruppi.

Un numero simile di donne in entrambi i gruppi di trattamento ( 76%, 159/208, nel gruppo Metformina e 73%, 144/196, nel gruppo placebo ) ha riportato effetti collaterali tra cui nausea, diarrea e vomito.
Si sono verificati due casi di nati morti ( gruppo placebo ) e una morte neonatale ( gruppo Metformina ); nessuna delle morti perinatali è stata attribuita alla partecipazione allo studio.

Per le donne in gravidanza in sovrappeso o obese, la Metformina somministrata in aggiunta ai consigli dietetici e ai consigli sullo stile di vita con inizio a 10-20 settimane di gestazione non ha migliorato gli esiti della gravidanza e della nascita. ( Xagena2019 )

Dodd JM et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2019; 7: 15-24

Gyne2019 Endo2019 Farma2019


Indietro