Vulvodinia
Vulvodinia - Graziottin
Tumore Mammella
Xagena Mappa

Esiti della gravidanza dopo infezione da virus SARS-CoV-2 in periodi dominati dalle varianti Delta e Omicron


L'evidenza suggerisce che la variante Omicron ( B.1·1.529 ) del virus SARS-CoV-2 è associata a minori rischi di esiti avversi rispetto alla variante Delta ( B.1.617.2 ) nella popolazione generale.
Tuttavia, si sa poco sugli esiti dopo l'infezione da Omicron in gravidanza.

Sono stati valutati e confrontati gli esiti della gravidanza a breve termine dopo infezione dalle varianti di SARS-CoV-2 Delta e Omicron in gravidanza.

È stato condotto uno studio di coorte nazionale basato sulla popolazione di donne che hanno avuto un'infezione da virus SARS-CoV-2 in gravidanza tra maggio 2021 e gennaio 2022.

L'esito materno primario era il ricovero in terapia intensiva entro 21 giorni dall'infezione o il decesso entro 28 giorni dalla data dell'infezione.
Gli esiti della gravidanza erano parto pretermine e nati morti entro 28 giorni dall'infezione.
Gli esiti neonatali erano la morte entro 28 giorni dalla nascita e un basso punteggio di Apgar ( inferiore a 7 su 10 per i bambini nati a termine ) o l'infezione neonatale da SARS-CoV-2 nelle nascite verificatesi entro 28 giorni dall'infezione materna.

Sono stati utilizzati periodi in cui le varianti erano dominanti nella popolazione scozzese generale, sulla base del 50% o più di casi positivi al gene S ( variante Delta, da maggio a dicembre 2021 ) o negativi al gene S ( variante Omicron, da dicembre 2021 a gennaio 2022 ) come surrogati per le infezioni da varianti.

Le analisi hanno utilizzato la regressione logistica, aggiustando per età materna, quintile di deprivazione, etnia, settimane di gestazione e stato vaccinale.
Le analisi di sensibilità includevano la limitazione dell'analisi alle pazienti con prima infezione confermata da SARS-CoV-2 e l'utilizzo di periodi in cui Delta o Omicron avevano una predominanza del 90% o più.

Tra maggio 2021 e gennaio 2022, ci sono state 9.923 infezioni da SARS-CoV-2 in 9.823 gravidanze, in 9.817 donne in Scozia.
Rispetto alle infezioni nel periodo con Delta dominante, le infezioni da SARS-CoV-2 in gravidanza nel periodo con Omicron dominante sono state associate a un minore rischio di ricovero materno in terapia intensiva ( 0.3%, 13 su 4.968, vs 1.8%, 89 su 4.955; odds ratio aggiustato, aOR=0.25 ) e minore nascita pretermine entro 28 giorni dall'infezione ( 1.8%, 37 su 2.048, vs 4.2%, 98 su 2.338; 0.57 ).

Non ci sono stati decessi materni entro 28 giorni dall'infezione.

Le stime dei punteggi Apgar bassi sono state imprecise a causa dei numeri bassi ( 5 su 423, 1.2%, con Omicron vs 11 su 528, 2.1%, con Delta, aOR=0.72 ).

Ci sono stati meno nati morti nel periodo a predominanza di Omicron che nel periodo a predominanza di Delta ( 4.3, 2 su 462, per 1.000 nascite rispetto a 20.3, 13 su 639, per 1.000 ) e nessuna morte neonatale durante il periodo a predominanza di Omicron ( 0, 0 su 460, per 1.000 nascite rispetto a 6.3, 4 su 626, per 1.000 nascite ), perciò i numeri sono stati troppo piccoli per supportare analisi aggiustate.

I tassi di infezione neonatale sono stati bassi nelle nascite entro 28 giorni dall'infezione materna da SARS-CoV-2, con 11 casi di SARS-CoV-2 neonatale nel periodo a predominanza di Delta e 1 caso nel periodo a predominanza di Omicron.

Dei 15 nati morti, 12 si sono verificati in donne che non avevano ricevuto due o più dosi di vaccinazione contro COVID-19 al momento dell'infezione da SARS-CoV-2 durante la gravidanza.

Tutti e 12 i casi di infezione neonatale da SARS-CoV-2 si sono verificati in donne che non avevano ricevuto due o più dosi di vaccino al momento dell'infezione materna.
I risultati delle analisi di sensibilità sono stati simili a quelli delle analisi principali.

Le donne incinte infette dal virus SARS-CoV-2 hanno avuto sostanzialmente meno probabilità di avere un parto pretermine o un ricovero in terapia intensiva materna durante il periodo con Omicron dominante rispetto al periodo con Delta dominante. ( Xagena2022 )

Stock SJ et al, Lancet Respiratory Medicine 2022; 10: 1129-1136

Inf2022 Gyne2022



Indietro