Vulvodinia Survey
Tumore Mammella
Tumore Ovaie
Xagena Mappa

Esiti infantili a lungo termine per i bambini nati a termine che sono stati esposti a corticosteroidi nel setting prenatale


I corticosteroidi prenatali migliorano gli esiti neonatali se somministrati a bambini a rischio di parto prematuro. Molte donne che ricevono corticosteroidi prenatali per minaccia di travaglio pretermine procedono al parto a termine.
Pertanto, gli esiti a lungo termine dovrebbero essere valutati per i neonati nati a termine che sono stati esposti a corticosteroidi prenatali in utero.

L'obiettivo di uno studio è stato quello di confrontare i risultati a lungo termine tra i bambini nati a termine di età maggiore o uguale a 5 anni nati da donne che avevano ricevuto corticosteroidi prenatali per minaccia di parto pretermine e bambini le cui madri erano state valutate anche per minaccia di parto pretermine ma non avevano ricevuto corticosteroidi prenatali.

E' stato condotto uno studio di coorte retrospettivo su bambini nati a 37 o più settimane di gestazione, di età maggiore o uguale a 5 anni e nati da madri con diagnosi di minaccia di travaglio pretermine durante la gravidanza.

La primaria esposizione di interesse era rappresentata dalla ricezione di corticosteroidi prenatali. Tra le condizioni mediche dell'infanzia raccolte, l'esito primario di interesse era una diagnosi di asma.

Dei 3556 bambini nati a termine di età maggiore o uguale a 5 anni, 629 ( 17,6% ) sono stati esposti a corticosteroidi prenatali ( tutti Betametasone ) e 2927 ( 82,3% ) erano controlli le cui madri erano state valutate per minaccia di parto pretermine ma non avevano ricevuto iniezioni prenatali di corticosteroidi.
Le donne che ricevevano corticosteroidi prenatali avevano tassi più elevati di comorbidità materne ( diabete mellito, ipertensione; P inferiore o uguale a 0.01 ).

I bambini in età prenatale esposti ai corticosteroidi non presentavano differenze nella diagnosi di asma ( 12,6% vs 11,6% ), disturbo da deficit di attenzione o ritardo dello sviluppo ( P = 0,47, 0,54 e 0,10, rispettivamente ).

Controllando le caratteristiche materne e neonatali, l'asma non era diversa tra quelli esposti a corticosteroidi prenatali e controlli ( odds ratio, OR=1,05; intervallo di confidenza al 95%, 0,79-1,39 ).

Le probabilità che il percentile del peso del bambino fosse inferiore al 10% sono aumentate per i bambini esposti a corticosteroidi prenatali nati a termine ( OR=2,00; intervallo di confidenza al 95%, 1,22-3,25 ).

In conclusione, i bambini nati a termine che sono stati esposti a corticosteroidi prenatali possono avere maggiori probabilità di trovarsi in un percentile di crescita inferiore rispetto a quelli non-esposti. Tuttavia, i tassi di diagnosi come asma, ritardo dello sviluppo e disturbi da deficit di attenzione non sono risultati diversi. ( Xagena2023 )

Osteen SJ et al, Am J Obstet Gynecol 2023; 228: 80.e1-80.e6.

Gyne2023 Pedia2023 Farma2023



Indietro