Tumore Ovaie
OncoGinecologia
Tumore Mammella
Xagena Mappa

Flusso sanguigno uteroplacentare, funzione cardiaca ed esito di gravidanza nelle donne con cardiopatia congenita


Le donne in stato di gravidanza con malattia cardiaca congenita ( CHD ) sono suscettibili a complicanze cardiovascolari, ostetriche e complicanze della prole.
Nelle donne con malattia cardiaca congenita, la disfunzione cardiaca può compromettere il flusso uteroplacentare e contribuire alla maggiore incidenza di eventi ostetrici e della prole.

È stato condotto uno studio prospettico di coorte multicentrico su donne in gravidanza con malattia cardiaca congenita e donne incinte sane.
Sono stati confrontati i parametri clinici, di laboratorio, ecocardiografici e i parametri di flussimetria Doppler utero-placentare ( UDF ) a 20 e 32 settimane di gestazione e l'esito della gravidanza.
Sono stati correlati i parametri cardiovascolari ai parametri UDF e all'esito della gravidanza nelle donne con malattia coronarica.

Sono state incluse 209 donne con malattia coronarica e 70 donne sane.

I parametri cardiovascolari ( frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B, funzione ventricolare sinistra e destra ) differivano tra i due gruppi.

I parametri UDF sono risultati alterati nelle donne con malattia cardiaca congenita ( pulsatilità della arteria ombelicale e indice di resistenza a 32 settimane nelle donne con malattia cardiaca congenita rispetto alle donne sane, P=0.0085 e P=0.017 ).

I seguenti parametri cardiovascolari pre-gravidanza e a 20 settimane di gestazione sono stati associati a flusso Doppler utero-placentare ( indice di resistenza della arteria ombelicale ) a 32 settimane: funzione del ventricolo destro ( escursione sistolica della tricuspide piano anulare, TAPSE ) ( P=0.002 ), alto valore di frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B ( P=0.085 ), rigurgito sistemico ( P=0.001 ) e polmonare ( P=0.045 ) della valvola atrioventricolare.

Le donne con malattia cardiaca congenita hanno presentato più eventi ostetrici ( 58.9% vs 32.9%, P minore di 0.0001 ) e di prole ( 35.4% vs 18.6%, P=0.008 ), rispetto alle donne sane.

I parametri UDF alterati erano associati con esiti ostetrici e della prole avversi.

In conclusione, i parametri di flussimetria Doppler utero-placentare sono risultati anormali nelle donne in gravidanza con malattia cardiaca congenita.
La funzione cardiovascolare è associata a un modello anormale di flussimetria Doppler uteroplacentare.
Una compromessa flussimetria Doppler uteroplacentare può essere un fattore chiave nell'alta incidenza di complicanze della prole e complicanze ostetriche in questa popolazione. ( Xagena2013 )

Pieper PG et al, Circulation 2013; 128: 2478-2487

Cardio2013 Gyne2013



Indietro