Vulvodinia Survey
Xagena Mappa
Tumore Ovaie
Tumore Mammella

Previsione della preeclampsia pretermine nel primo trimestre con biomarcatori dei metaboliti: previsione differenziale in base all'indice di massa corporea materna


La previsione del rischio di preeclampsia è fondamentale per fornire informazioni su un’assistenza materna efficace.
L'attuale screening per la preeclampsia tra la settimana 11 e 13 di gestazione, utilizzando le caratteristiche demografiche materne e l'anamnesi medica con misurazioni della pressione arteriosa media, dell'indice di pulsatilità dell'arteria uterina e del fattore di crescita placentare sierico, può identificare circa il 75% delle donne che svilupperanno preeclampsia pretermine con parto prima di 37 settimane di gestazione.

Ulteriori miglioramenti ai test di screening della preeclampsia richiederanno probabilmente l’integrazione di ulteriori biomarcatori.

Ricerche recenti hanno indicato l’esistenza di distinti profili di rischio materno. Pertanto, la valutazione dei biomarcatori dovrebbe tenere conto della possibilità che un biomarcatore possa predire la preeclampsia solo in uno specifico fenotipo materno.

Questo studio aveva coem obiettivo quello di verificare i biomarcatori dei metaboliti come predittori della preeclampsia pretermine all'inizio della gravidanza in tutte le donne e nei gruppi con indice di massa corporea.

È stato condotto uno studio osservazionale caso-controllo tratto da un ampio studio prospettico sulla previsione precoce delle complicanze della gravidanza nelle donne che si sono sottoposte alla prima visita ospedaliera di routine presso il King's College Hospital di Londra, Regno Unito, dal 2010 al 2015. Le donne incinte sono state sottoposte a una valutazione completa del primo trimestre, compresa la raccolta di campioni di sangue per le biobanche.

Nei campioni di plasma di 11-13 settimane di 2.501 gravidanze singole, i livelli di metaboliti preselezionati implicati nella previsione delle complicanze della gravidanza sono stati analizzati utilizzando un metodo mirato di cromatografia liquida-spettrometria di massa, ottenendo dati di quantificazione di alta qualità su 50 metaboliti.

I rapporti tra i livelli di aminoacidi coinvolti nella biosintesi dell'arginina e nelle vie dell'ossido nitrico sintasi sono stati aggiunti all'elenco dei biomarcatori.
Per tutti i soggetti dello studio erano disponibili anche il fattore di crescita placentare e la proteina plasmatica A associata alla gravidanza, che fungevano da predittori di rischio di confronto.

Per questa analisi sono stati considerati i dati relativi a 1.635 controlli e 106 gravidanze complicate da preeclampsia pretermine, normalizzati utilizzando multipli della mediana.
Le analisi di previsione sono state eseguite sui seguenti strati di pazienti: tutti i soggetti e le classi di indice di massa corporea inferiore a 25, da 25 a meno di 30 e superiore o uguale a 30 kg/m2. I livelli mediani aggiustati sono stati confrontati tra casi e controlli e tra ciascun gruppo di classi di indice di massa corporea.

I livelli di 13 metaboliti erano associati a preeclampsia pretermine nell’intera popolazione in studio ( P minore di 0.05 ) con associazioni particolarmente significative ( P minore di 0.01 ) riscontrate per 6 di essi, vale a dire acido 2-idrossi-(2/3)-metilbutirrico, 25-idrossivitamina D3, acido 2-idrossibutirrico, alanina, dodecanoilcarnitina e 1-(1Z-ottadecenil)-2-oleoil-sn-glicero-3-fosfocolina.

Anche i cambiamenti nei rapporti di 7 aminoacidi, tutti riguardanti glutammina o ornitina, erano significativamente diversi tra casi e controlli ( P minore di 0.01 ).

La prestazione predittiva di alcuni metaboliti e rapporti differiva in base alla classificazione dell'indice di massa corporea; per esempio, l'ornitina ( P minore di 0.001 ) e diversi rapporti correlati all'ornitina ( da P minore di 0.0001 a P minore di 0.01 ) sono stati fortemente associati alla preeclampsia pretermine solo nel gruppo con indice BMI inferiore a 25 kg/m2, mentre la dodecanoilcarnitina e 3 rapporti di glutammina sono stati particolarmente predittivi nel gruppo con indice BMI superiore o uguale a 30 kg/m2 ( P minore di 0.01 ).

Singoli metaboliti e rapporti di aminoacidi correlati alla biodisponibilità dell'arginina e alle vie dell'ossido nitrico sintasi sono stati associati al rischio di preeclampsia pretermine tra la settimana 11 e 13 di gestazione.

È stata osservata una previsione differenziale in base alle classi dell'indice di massa corporea, supportando l'esistenza di profili di rischio materno distinti.
Studi futuri sulla previsione della preeclampsia dovrebbero tenere conto della possibilità di diversi profili di rischio materno per migliorare la comprensione eziologica e prognostica e, in definitiva, l’utilità clinica dei test di screening. ( Xagena2023 )

Tuytten R et al, Am J Obstet Gynecol 2023; 229: 55.e1-55e.10

Cardio2023 Gyne2023



Indietro