XagenaNewsletter
OncoGinecologia
Tumore Ovaie
Tumore Mammella

Regimi antipertensivi orali come Nifedipina retard, Labetalolo e Metildopa per la gestione dell'ipertensione grave in gravidanza


L'ipertensione è il più comune disturbo medico in gravidanza, e complica una gravidanza su dieci.
Il trattamento della pressione sanguigna gravemente aumentata è ampiamente raccomandato per ridurre il rischio di complicanze materne.
I regimi per il trattamento acuto dell'ipertensione grave in genere includono farmaci per via endovenosa. Sebbene efficaci, questi farmaci richiedono l'accesso venoso e un attento monitoraggio fetale e potrebbero non essere praticabili in ambienti occupati o con risorse limitate.
Sono state pertanto confrontate l'efficacia e la sicurezza di tre farmaci orali, Labetalolo, Nifedipina retard e Metildopa per la gestione dell'ipertensione grave in gravidanza.

In uno studio multicentrico, in aperto, randomizzato e controllato, sono stati confrontati questi antipertensivi orali in due ospedali pubblici a Nagpur, in India.
Le donne in gravidanza potevano partecipare allo studio se avevano almeno 18 anni di età; erano in gravidanza con feti che avevano raggiunto un'età gestazionale di almeno 28 settimane; avevano richiesto il controllo farmacologico della pressione arteriosa per ipertensione grave ( pressione sistolica maggiore o uguale a 160 mm Hg o pressione diastolica maggiore o uguale a 110 mm Hg ); ed erano in grado di assumere farmaci per via orale.

Le donne sono state assegnate in modo casuale a ricevere 10 mg di Nifedipina orale, 200 mg di Labetalolo orale ( ogni ora, in entrambi i casi la dose poteva essere aumentata in caso di permanenza dell'ipertensione ) oppure 1.000 mg di Metildopa ( una singola dose, senza aumento della dose ).

L'esito primario era il controllo della pressione arteriosa ( definito come pressione arteriosa sistolica di 120-150 mm Hg e pressione diastolica di 70-100 mm Hg ) entro 6 ore senza esiti avversi.

Tra il 2015 e il 2017, sono state selezionate 2.307 donne per la loro inclusione nello studio.
Sono state escluse 1.413 donne ( 61% ) che non erano ammissibili, hanno rifiutato di partecipare, avevano imminente eclampsia, erano in travaglio attivo o avevano una combinazione di questi fattori. 11 donne ( 4% ) nel gruppo Nifedipina, 10 donne ( 3% ) nel gruppo Labetalolo e 11 donne ( 4% ) nel gruppo Metildopa non erano ammissibili al trattamento poiché avevano solo una misurazione qualificata della pressione sanguigna o avevano interrotto il trattamento a causa del parto o trasferimento altrove.

894 donne ( 39% ) sono state assegnate in modo casuale a un gruppo di trattamento e sono state incluse nell'analisi intention-to-treat: 298 donne ( 33% ) sono state assegnate a ricevere Nifedipina, 295 donne ( 33% ) sono state assegnate a ricevere Labetalolo e 301 ( 33% ) donne sono state assegnate a ricevere Metildopa.

L'esito primario era significativamente più comune nelle donne nel gruppo Nifedipina rispetto a quelle nel gruppo Metildopa ( 249 donne, 84%, vs 230 donne, 76%; P=0.03 ). T
uttavia, l'esito primario non differiva tra i gruppi Nifedipina e Labetalolo ( 249 donne, 84%, vs 228 donne, 77%; P=0.05 ) o i gruppi Labetalolo e Metildopa ( P=0.80 ).

Durante lo studio sono stati segnalati 7 eventi avversi gravi ( 1% delle nascite ): una donna ( inferiore a 1% ) nel gruppo Labetalolo ha avuto un attacco convulsivo intrapartum e 6 neonati ( 1% ) ( uno nel gruppo Nifedipina, inferiore a 1%; 2 neonati nel gruppo Labetalolo, 1%; 3 neonati nel gruppo Metildopa, 1% ) sono nati morti.
Nessuna nascita ha avuto più di un evento avverso.

Tutti gli antiipertensivi orali hanno ridotto la pressione sanguigna al range di riferimento nella maggior parte delle donne.
Come singoli farmaci, l'uso di Nifedipina retard ha comportato una maggiore frequenza del raggiungimento degli esiti primari rispetto all'uso di Labetalolo o Metildopa.
Tutti e tre i farmaci orali, Metildopa, Nifedipina e Labetalolo, sono opzioni iniziali praticabili per il trattamento dell'ipertensione grave in contesti con poche risorse. ( Xagena2019 )

Easterling T et al, Lancet 2019; 394: 1011-1021

Cardio2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro