XagenaNewsletter
Tumore Ovaie
Tumore Mammella
OncoGinecologia

Rischio di tromboembolia venosa correlata alla gravidanza e complicanze ostetriche in donne con deficit ereditario di antitrombina di tipo I


Il deficit congenito ( di tipo I ) quantitativo dell'antitrombina plasmatica è associato ad un alto rischio di tromboembolia venosa, che aumenta ulteriormente in gravidanza.
La trombofilia ereditaria aumenta anche il rischio di complicanze ostetriche, ma i dati sugli esiti materni e fetali nelle donne con deficit di antitrombina sono scarsi.

È stato valutato il rischio di tromboembolia venosa associata alla gravidanza e complicanze ostetriche nelle donne con deficit di antitrombina di tipo I.

In uno studio di coorte retrospettivo a singolo Centro, sono state incluse le donne avviate al Centro Emofilia e Trombosi di Milano per uno studio sulla trombofilia nel periodo 1980-2018, con carenza di antitrombina di tipo I e che avevano avuto almeno una gravidanza.
Le donne con carenza di antrombombina di tipo II sono state escluse dallo studio.

Sono stati raccolti dati su tromboembolia venosa associata alla gravidanza, esiti della gravidanza e uso di Eparina a basso peso molecolare ( LMWH ) per valutare il rischio di tromboembolia venosa associata alla gravidanza e complicanze ostetriche con o senza uso di Eparina a basso peso molecolare.

Erano state indirizzate in ospedale 126 donne, di cui 88 ( 70% ) avevano avuto almeno una gravidanza.
8 sono state escluse a causa del rinvio per tromboembolia venosa durante la gravidanza o il puerperio, risultando in 80 ( 63% ) donne valutate per il rischio di tromboembolia venosa. Una donna è stata esclusa a causa del rinvio per complicanze ostetriche, risultando in 87 ( 69% ) valutate per il rischio di complicanze ostetriche.

Sono stati osservati 3 eventi di tromboembolia venosa in 43 gravidanze nelle donne trattate con Eparina LMWH ( 7.0% ) e 17 eventi in 146 gravidanze nelle donne che non hanno ricevuto Eparina LMWH ( 11.6%; rischio relativo RR 0.6, P=0.57 ).

Il rischio di tromboembolia venosa senza Eparina LMWH è stato del 5.4% nelle donne con una storia familiare negativa di tromboembolia venosa e dell'11.8% in quelli con una storia familiare positiva di tromboembolismo venoso.

Tra le 87 donne valutate per il rischio di complicanze ostetriche, si sono verificati aborti spontanei in 6 donne su 45 ( 13% ) in gravidanza trattate con Eparina LMWH e 32 su 161 donne ( 20% ) che non avevano ricevuto Eparina LMWH ( terminazioni escluse ).

Complicanze ostetriche tardive si sono verificate in 11 ( 24% ) delle donne trattate con Eparina LMWH e 9 ( 6% ) di quelle che non avevano ricevuto Eparina LMWH ( RR 4.4, P=0.0006 ).

I risultati hanno confermato che le donne con deficit di antitrombina di tipo I hanno un alto rischio di tromboembolia venosa iniziale o ricorrente durante la gravidanza.
Il rischio di tromboembolia venosa è maggiore nelle donne con una storia familiare positiva della condizione, ma ancora rilevante in quelle con una storia familiare negativa, suggerendo che in queste pazienti dovrebbe essere presa in considerazione anche la profilassi con Eparina a basso peso molecolare. ( Xagena2020 )

Abbattista M et al, Lancet Haematology 2020; 7: 320-328

Gyne2020 Emo2020 Farma2020


Indietro