Tumore Mammella
OncoGinecologia
Xagena Mappa
Tumore Ovaie

Screening del glucosio in gravidanza e rischio futuro di malattie cardiovascolari nelle donne


Negli studi fino ad oggi, il diabete gestazionale è stato costantemente associato a un aumentato rischio futuro di malattie cardiovascolari, indipendentemente dal protocollo di screening antepartum o dai criteri diagnostici con cui viene diagnosticato il diabete gestazionale.
L'eterogeneità risultante nella gravità della disglicemia nelle donne con diabete gestazionale suggerisce che la relazione tra glicemia gestazionale e successiva malattia cardiovascolare probabilmente si estenda nell'intervallo non-diagnostico.
Pertanto, si è ipotizzato che lo screening del glucosio in gravidanza possa identificare il rischio futuro di malattie cardiovascolari nelle donne che non hanno diabete gestazionale.

È stato condotto uno studio di coorte basato sulla popolazione usando informazioni provenienti da database amministrativi dal Ministry of Health and Long Term Care of Ontario ( Canada ).
Sono state identificate tutte le donne in Ontario che hanno eseguito un test orale di glucosio da 50 g in gravidanza tra 24 e 28 settimane di gestazione con un parto di un bambino vivo tra il 2007 e il 2015.

Le donne che avevano una storia di diabete prima della gravidanza o erano state ricoverate per malattie cardiovascolari sono state escluse.
Le donne con una concentrazione di glucosio plasmatico post-test di 1 ora di 11.1 mmol/l o superiore sono state considerate affette da diabete gestazionale, così come le donne con valori compresi tra 7.8 e 11.0 mmol/l incluse quelle per cui il diabete era registrato come diagnosi dall'ospedale in cui avevano partorito.

La popolazione dello studio è stata divisa in sei gruppi in base ai risultati del test di valutazione del glucosio ( minore o uguale a 4.8 mmol/l; 4.9-5.5 mmol/l; 5.6-6.2 mmol/l; 6.3-6.9 mmol/l; 7.0-7.9 mmol/l; e maggiore o uguale a 8.0 mmol/l ).

L'esito primario era la malattia cardiovascolare ( un composito di ricovero per infarto del miocardio, sindrome coronarica acuta, ictus, bypass coronarico, intervento coronarico percutaneo [ PCI ] o endoarteriectomia carotidea ).

Tutte le donne sono state seguite dalla gravidanza indice fino all'evento di malattia cardiovascolare, morte, migrazione o fino al 30 settembre 2017, a seconda dell'evento che si è verificato per primo.

Sono state identificate 259.164 donne ammissibili per lo studio: 13.609 che avevano diabete gestazionale e 245.555 senza diabete gestazionale.
Le donne sono state seguite per un periodo medio di 3.9 anni per lo sviluppo di malattie cardiovascolari.

Ogni incremento di 1 mmol/l nel risultato del test di valutazione del glucosio è stato associato a un rischio maggiore del 13% di malattie cardiovascolari ( dopo aggiustamento per età, etnia, reddito e vita in zone rurali, hazard ratio aggiustato HR 1.13 ).
Questa relazione è persistita dopo aver escluso le donne con diabete gestazionale ( 1.14 ).

Nelle donne senza diabete gestazionale, quelle con un risultato anomalo del test del glucosio ( maggiore o uguale a 7.8 mmol/l ) e quelle con un risultato tra 7.2 e 7.7 mmol/l hanno avuto un aumentato rischio di malattie cardiovascolari ( HR 1.94 e 1.65, rispettivamente ), rispetto a quelle con un risultato di 7.1 mmol/l o inferiore ( P complessivo=0.003 ).

La relazione tra glicemia gestazionale e conseguente rischio di malattie cardiovascolari si estende nell'intervallo normoglicemico.
Di conseguenza, lo screening del glucosio in gravidanza potrebbe identificare il rischio futuro di malattie cardiovascolari nelle donne che non hanno diabete gestazionale. ( Xagena2019 )

Retnakaran R et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2019; 7: 378-384

Gyne2019 Endo2019 Cardio2019



Indietro