Tumore Ovaie
OncoGinecologia
Tumore Mammella
Xagena Mappa

Uso materno di farmaci antidepressivi specifici durante le prime fasi della gravidanza e rischio di difetti alla nascita selezionati


Gli antidepressivi sono comunemente usati durante la gravidanza, ma sono disponibili informazioni limitate sui singoli antidepressivi e sui rischi specifici di difetti alla nascita.

Sono state esaminate le associazioni tra singoli antidepressivi e difetti alla nascita specifici con e senza tentativi di tenere conto parzialmente del potenziale confondimento da condizioni di base.

Il National Birth Defects Prevention Study ( NBDPS ), multicentrico, basato sulla popolazione, condotto tra il 1997 e il 2011, ha incluso casi con difetti alla nascita selezionati che sono stati identificati dai sistemi di sorveglianza; i controlli sono stati neonati nati vivi senza grandi difetti alla nascita campionati in modo casuale.

Le madri dei casi e dei controlli hanno partecipato a un colloquio dopo la data di parto prevista.
I dati sono stati analizzati dopo il completamento della raccolta dei dati dello studio NBDPS.

L'esposizione agli antidepressivi auto-segnalata è stata codificata per indicare l'esposizione agli antidepressivi in ​​monoterapia.

Sono stati calcolati gli odds ratio aggiustati ( aOR ) per le associazioni tra uso materno di antidepressivi e difetti alla nascita.
Sono state confrontate le donne esposte agli antidepressivi all'inizio della gravidanza con quelle senza esposizione agli antidepressivi e, per giustificare parzialmente la confusione dovuta alle condizioni materne sottostanti, quelle esposte agli antidepressivi al di fuori del periodo critico di sviluppo del difetto alla nascita.

Lo studio ha incluso 30.630 casi di madri di neonati con difetti alla nascita e 11.478 madri di controllo di età compresa tra 12 e 53 anni.

L'uso precoce di antidepressivi in gravidanza è stato segnalato da 1.562 madri ( 5.1% ) e 467 madri di controllo ( 4.1% ), per le quali sono stati osservati odds ratio aggiustati elevati per inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI ) e difetti cardiaci congeniti selezionati ( CHD ) ( ad esempio Fluoxetina e ritorno venoso polmonare anomalo: aOR, 2.56; questa associazione è risultata attenuata dopo aver parzialmente considerato le condizioni di base: aOR, 1.89 ).

Questo modello è stato osservato per molte combinazioni antidpressivi SSRI - cardiopatie congenite.

Le associazioni tra antidepressivi SSRI e difetti alla nascita non-cardiopatie congenite spesso persistevano o si rafforzavano dopo aver parzialmente considerato le condizioni di base ( ad esempio Citalopram ed ernia diaframmatica: aOR, 5.11 ).

La Venlafaxina ha avuto un'elevata associazione con più difetti che persistevano dopo aver parzialmente considerato le condizioni sottostanti ( ad esempio anencefalia e craniorachischisi: aOR, 9.14).

In conclusione, sono state trovate alcune associazioni tra l'uso materno di antidepressivi e difetti alla nascita specifici.
La Venlafaxina è risultata associata al maggior numero di difetti, dato che necessita di conferma data la limitata letteratura sull'uso della Venlafaxina durante la gravidanza e il rischio di difetti alla nascita.
I risultati hanno suggerito un confondimento dovuto alle condizioni di base quando si valuta il rischio. Un processo decisionale pienamente informato sul trattamento richiede il bilanciamento dei rischi e dei benefici degli interventi proposti con quelli della depressione o dell'ansia non-trattate. ( Xagena2020 )

Anderson KN et al, JAMA Psychiatry 2020; 77: 1246-1255

Psyche2020 Gyne2020 Pedia2020 Farma2020


Indietro